Cultura popolare e solidarietà sociale

CANTASTORIE PER UN' ITALIA ANTIFASCISTA

19.01.2019 19:30

Desideriamo invitarvi a partecipare alla serata CANTASTORIE PER UN ITALIA ANTIFASCISTA – Cronache, canti, ballate e immagini della lotta per la libertà con buffet/cena con cibi da ricette tradizionali – dall’evento del fascismo all’immediato dopoguerra nella poetica dei cantastorie e dei fogli volanti - con alcuni CANTASTORIE, organizzata dall’Associazione La Contae da “IL CANTASTORIE-ON-LINE” in collaborazione con l’Associazione AICA L. De Antiquis che avrà luogo SABATO 19 GENNAIO 2019, dalle ore 19,30 alla CGIL Salone di Vittorio in Piazza Segesta 4, con ingresso da Via Albertinelli 14 (discesa passo carraio) a Milano. 

 

        image001.jpg

 

Programma della serata:

 

Alle ore 19.30Buffet/Cena con cibi da ricette tradizionali preparati con passione e cura dalle cuoche/cuochi dell'Associazione La Conta. Un bel momento conviviale insieme ai cantastorie e le loro narrazioni di piazza e/o di strada. 

Per il buffet/cena la cena sarà richiesto a ciascun partecipante un contributo all'Associazione La Conta di euro 10,00con prenotazione obbligatoria, da comunicare prima possibile ma comunque entro mercoledì 16 gennaio 2019 all'indirizzo laconta@interfree.it oppure telefonando al n. 338.6267105.

 

Alle ore 21.00Recital - Spettacolo con MAURO GERACI – cantastorie - voce e chitarra e PETO & LEO ( ROBERTO SENIGA E LEONARDO TARASCHI) e MARTA RAPOSOvoci, della Lega di Cultura di Piadena, con la partecipazione di Tiziana Oppizzi, Mario Toffoli e Anna Vandoni, voci e chitarre, che eseguiranno alcune ballate e canti dei cantastorie, con la narrazione diClaudio Piccoli de IL CANTASTORIE ON LINE

Il recital a più voci vuole mettere in evidenza un significativo periodo della storia italiana vista con lo sguardo dei cantastorie e dei poeti popolari. Immagini, riproduzioni di fogli volanti e di manifesti con un racconto, accompagneranno le ballate e le canzoni scelte per lo spettacolo. 

Nord, Centro e Sud Italia sono le aree interessate alla ricerca che si propone di valorizzare l’opera di divulgazione rappresentata dai cantastorie mossi dal desiderio di ritornare nelle piazze per una reale ed effettiva libertà dopo gli anni bui del fascismo e della guerra. Lontani da interpretazioni retoriche e grazie ai componimenti popolari come i “fogli volanti” e i libretti, spesso poco conosciuti, abbiamo cercato di risalire allo spirito del tempo. In tutte le epoche i cantastorie catturavano il comune sentire della gente e li traducevano in canzoni e ballate. Per la fine del lungo conflitto e nei giorni successivi al 25 aprile, caratterizzati da imponenti manifestazioni di gioia popolare, anche i cantastorie diedero il loro contributo per non dimenticare quanto accaduto ed esprimendo nella loro poetica il grande desiderio e la forte aspirazione per una reale ed effettiva libertà e uguaglianza.

L’ingresso al recital sarà ad offerta libera. 

 

IL CANTASTORIE - ON LINE – “IL FOGLIO VOLANTE”  

 

Dalla chiusura della Rivista di tradizioni popolari “IL CANTASTORIE” l'idea della redazione milanese di dare vita a una nuova esperienza è stata una priorità assoluta. L'intento è quello di non disperdere il patrimonio e la memoria storica della Rivista ideata e diretta per 60 anni da Giorgio Vezzani.

IL FOGLIO VOLANTE, quindi, si propone di diventare uno strumento, un punto d’incontro e di confronto tra gli operatori del mondo popolare in generale insieme a coloro che esercitano la nobile arte del cantastorie. Secondo le diverse tradizioni che questo talento popolare ha assunto in Italia e nel mondo di oggi. La novità sta nel fatto di proporre tutto questo nella mutata realtà odierna; un lavoro arduo ma che trae la sua linfa dall'esperienza tutta in salita senza sponsor, senza pubblicità e aiuti vari che Il Cantastorie ha sempre praticato. 

 

Per dare continuità al progetto odierno, nel numero zero abbiamo inserito molte delle “rubriche” appartenute alla Rivista . Ci proponiamo di impostare il nostro lavoro seguendo uno degli aspetti più importanti trattati con particolare impegno da Vezzani cioè dare spazio agli operatori e agli studiosi del mondo popolare, coloro che agiscono e portano avanti ancora oggi nell'ambito della piazza tutti gli aspetti legati a questa forma di spettacolo calandoli nella realtà odierna e raccontandone gli sviluppi e i percorsi. 

 

In un epoca di formidabile accelerazione dei linguaggi, garantire un contatto con l’origine significa porsi nella condizione di comprendere lo svolgimento dei processi e delle traiettorie evolutive, delle contaminazioni e delle linee di continuità, da cui deriva la nostra attuale cultura aggiungiamo il termine popolare in quanto è quella che maggiormente ci appassiona. Sul piano pratico foglio volante non sarà un periodico bensì verrà inviato per dare informazioni e notizie. La sua caratteristica sarà proprio quella della sinteticità. Per approfondimenti e per chi vuol saperne di più si rimanda al sito in cui verranno inserite delle pagine dedicate. 

 

L'ASSOCIAZIONE ITALIANA CANTASTORIE “LORENZO DE ANTIQUIS” (AICA) è un'associazione nata nel 1947 per opera di Lorenzo De Antiquis (1905-1999), un cantastorie romagnolo, seguendo l'idea di creare una collaborazione con i sindacati dei cantori  ambulanti. Tale associazione ha, inoltre, sviluppato regolamenti di solidarietà tra cantastorie. L'associazione ha sede attualmente a Forlì, con Dedi De Antiquis presidente e Gian Paolo Borghi, vice presidente..

Dal 1957 al 1999, anno della sua scomparsa, Lorenzo De Antiquis svolse la sua attività, oltre che di cantastorie, di Presidente, con un’efficace collaborazione all’organizzazione delle annuali Sagre Nazionali dei Cantastorie e con altrettanto validi interventi presso le autorità comunali di diverse città per ottenere la disponibilità di piazze e mercati per le esibizioni dei cantastorie. 

Alla scomparsa di “Lorenzino” la figlia Dedi, che da diversi anni accompagnava il padre, decise di far rinascere lo spirito, la dignità, la passione che da sempre sono state proprie del’A.I.CA

Nel segno della tradizione famigliare e con grande impegno e sacrifici, riuscì a ritrovare gli antichi compagni di viaggio dell’A.I.CA. e, inoltre, a incontrare i nuovi che oggi intendono percorre le strade dei cantastorie tradizionali, secondo le nuove tendenze dello spettacolo popolare. 

Importanti e molteplici sono i congressi, i convegni, i festival, le rassegne dei cantastorie e gli eventi organizzati dall’Associazione, tra i quali si ricordano quelli di: Bologna (1954), Santarcangelo di Romagna (1982), Casalecchio di Reno (1983)  e  Bagnacavallo (1985) nonché l’appuntamento annuale del “Giorno di Giovanna”, dedicato alla memoria della cantante popolare Giovanna Daffini (1914-1969), nata a Villa Saviola del Comune di Motteggiana (Mantova). 

 

Vi saremo grati se vorrete dare diffusione elettronica all'iniziativa di cui sopra e/o diffondere la stessa tra le persone che ne possono esservi interessate. Vi ringraziamo in anticipo.

 

Ciao,

 

 

Cerca nel sito

Contatti

Associazione La Conta ONLUS via Anemoni 6
20147 MILANO
3386267105